BUCA N° 6 SUGHERA

BUCA N° 6 SUGHERA

Il bunker al centro del fairway sull'atterraggio del 2° colpo è una delle maggiori insidie di questo par 5 che non deve essere sottovalutato nonostante l'ampiezza del suo fairway.

Alcune "gobbe di cammello" circondano il green e possono salvare da possibili sbagli di valutazione.

 

 

 

La sughera (Quercus suber)

Originaria dell'Europa sud-occidentale e dell'Africa nord-occidentale è da tempi remoti naturalizzata e spontanea in tutto il bacino occidentale del mar Mediterraneo. La sughera è una specie termofila (muore ad una temperatura di -5 °C) che predilige gli ambienti caldi e moderatamente siccitosi. A differenza della lecceta pura, la sughereta è un bosco aperto che permette la crescita di una vegetazione erbacea e arbustiva utilizzabile per la pastorizia, perciò compatibile con l'allevamento estensivo. Il leccio è stato storicamente impiegato per la produzione di legname da opera, legna da ardere, carbone. La sughera resiste meglio agli incendi grazie all'azione protettiva che il sughero esercita sui tessuti sottostanti. Per questi motivi, l'azione selettiva dell'uomo e degli incendi tende a favorire nel tempo la copertura a sughera a scapito della copertura a leccio.